mercoledì 29 dicembre 2010

Lettera da Kandahar

Buona Vita a tutti

oggi vorrei pubblicare una mail ricevuta da un mio amico che ha deciso di dedicare la sua vita agli altri e che attualmente lavora presso un ospedale della Croce Rossa Internazionale a Kandahar in Afghanistan.

"Cammino nell ospedale, vedo una macchina arrivare, due bambini, due fratellini, insanguinati. Così sanguino un po' anche io, gli passo affianco, cerco di sembrare indifferente mentre gli infermieri li portano dentro, ma all'interno la tristezza mi lacera. Le mie gambe diventano pesanti, quasi vogliono inginocchiarsi, forse a pregare il Dio che possa rimettere tutto a posto. Mi allontano e cosi sono le loro grida che mi colpiscono, feriscono, fanno sentire quanto sono piccolo, impotente.

Cerco di concentrarmi e raggiungo un altro reparto per seguire i lavori e poi vado nella zona della sala operatoria, e mentre passo, ecco ancora quel pianto, lo vedo fasciato, su una barella, solo. Mio caro Dio , lenisci il dolore, prego.

Continuo e cosi per la terza volta rivedo i due angeli, piango. Mi siedo li nella loro stanza, la tristezza non si placa, oggi ho perso un po' di me.

Cari amici, qui a volte assisto a piccole vittorie nella grande catastrofe. Scoraggiato? minimamente, ma triste si, sofferente per quell'innocenza colpita. Si cerca ogni giorno di alleviare il dolore, di rendere bianca la notte che sta coprendo questo paese da anni.

Non so come trasmettervi tutta una mia lacrima, quelle gocce che cercano di gettare via nella terra questo male. Amate, amate , questa terra e satura di odio, amate amate, e il cielo tornerà azzurro, limpido, nostro".

Peppe Magliulo


Grazie Peppe, di cuore. Ed è con le lacrime agli occhi che ti auguro una Buona Vita, e Buona Vita ai due Angeli che hai incontrato ovunque essi siano, Buona Vita nonostante tutto, nonostante l'indifferenza in cui tante volte viviamo. Nonostante l'odio che sta lacerando questa nostra Terra.

L'amore è dentro di noi e non possiamo rimanere indifferenti a lungo, va contro la nostra natura. Usciamo allo scoperto. Non dobbiamo andare tutti in Afgahanistan, basta guardarsi attorno aprendo la porta di casa. Anche il nostro vicino, Solo, può avere bisogno di noi.

Un abbraccio senza tempo
Buona Vita

Un sorriso è vita.....perché finché c'é un sorriso c'è speranza

venerdì 24 dicembre 2010

Auguri di Buona Vita

Buona Vita a tutti :-)

oggi Zoe e Tea sono particolarmente euforiche. In trepida attesa per il Natale e stanno cantando una canzone che si sente spesso "on the air":

A Natale puoi
fare quello che non puoi fare mai:
riprendere a giocare,
riprendere a sognare,
riprendere quel tempo
che rincorrevi tanto.

È Natale e a Natale si può fare di più,
è Natale e a Natale si può amare di più,
per noi: a Natale puoi.

A Natale puoi
dire ciò che non riesci a dire mai:
che bello è stare insieme,
che sembra di volare,
che voglia di gridare
quanto ti voglio bene.

Luce blu,
c’è qualcosa dentro l’anima che brilla di più:
è la voglia che hai d’amore,
che non c’è solo a Natale,
che ogni giorno crescerà,
se lo vuoi.

A Natale puoi fidarti di più.
Alicia


A Natale tutto è concesso, ma soprattutto a Natale è concesso di Amare. A Natale CI si concede di Amare. A Natale si diventa tutti più buoni. A Natale....a Natale.

A Natale chi è solo si sente ancora più solo. Come ci si può sentire a festeggiare un Natale in ospedale, in ospizio, in carcere, in un angolo di una strada ad elemosinare, soli nella propria casa?

E' vero, a Natale si può. Si può fare tutto quello che non si riesce a fare mai. A Natale si riesce a dire tutto quello che non si riesce a dire mai. A Natale si riprende a sognare....

Io a Natale sogno....sogno che ogni singolo giorno della mia Vita possa essere vissuto come il giorno di Natale. Senza paura di parlare, senza paura di abbracciare, senza paura di amare, senza paura di aiutare, senza paura di essere me stesso con i miei pregi e i miei difetti.

Buon Natale....ma soprattutto Buona Vita ora, oggi, domani, fra un mese....
Perché CI si può amare di più ed amare di più....ogni istante della nostra Vita.

Provate a rileggere il testo della canzone sopra e al posto di Natale metteteci la parola ORA

Ora Tu puoi
fare quello che non puoi fare mai..
.

Patric

Un sorriso sincero è vita....perché un sorriso è come il sole all'alba: illumina la strada e riscalda i cuori anche quello di un perfetto sconosciuto

sabato 18 dicembre 2010

Ricarichiamo le pile

Buona Vita a tutti

come vi siete svegliati oggi? Siete in forma? Avete il sorriso sulle labbra?
Sì, lo so, ogni tanto viene pure a me la voglia di mandare a quel paese tutto e tutti. I momenti di tristezza, sconforto, solitudine sono all'ordine del giorno, ma riuscire ad alimentare la nostro mente e il nostro cuore di positività e ottimismo è la strada vincente.
Siamo come delle pile ricaricabili. Abbiamo bisogno della nostra ricarica giornaliera per essere sempre funzionali al 100%. Se lasciamo che la batteria si scarichi completamente ci spegniamo. Quindi una bella dose giornaliera di carica positiva ci aiuta a superare quegli attimi di sconforto sopra citati ed essere al top o quasi.

Alziamoci la mattina e guardiamoci allo specchio. Io mi vedo talmente ridicolo che non posso fare a meno di ridermi addosso....e la ricarica inizia

Parliamo con la tazzina di caffè con cui facciamo colazione, cantiamo a squarciagola in macchina andando al lavoro, scherziamo con i nostri colleghi di lavoro. Divertiamoci anche facendo cose serie. Visto che comunque le dobbiamo fare, perché non possiamo divertirci facendole?

Guardatevi questo video....a me dà un'energia incredibbbbbile



La più coraggiosa decisione che prendi ogni giorno è di essere di buon umore
Voltaire

Buona vita a tutti e che il buon umore possa accompagnarvi day by day
Pat Smily

Un sorriso è vita.....perché vedere il sorriso di una bambina senza un dente....non può che mettervi di buon umore

mercoledì 15 dicembre 2010

Dedicato ad Angela

Buona VITA a tutti :-)
oggi vorrei raccontarvi un episodio che mi ha visto protagonista assieme a Nicola ed Angela.
Angela era una signora di cui non ricordo l'età ma che aveva già superato da un bel po' il minimo degli anni necessari per andare in pensione.
Io e Nicola siamo entrati nella sua camera presso un Hospice dove vengono accolti malati terminali di tumore.
Ci ha ricevuto suo figlio il quale ci informa subito che sua mamma ha una brutta giornata. Che non riesce ormai più a parlare.
La guardiamo negli occhi, e i suoi occhi luccicano ed esprimono un misto tra sofferenza e pace. Le stringo la mano e iniziamo a parlarle informandola che non abbiamo bisogno di alcuna risposta.
Dopo un po' è lei stessa che con un filo di voce si scusa perché non riesce a parlare, ma non appena conclusa la frase, lei continua ed inizia a raccontarci della sua vita. Stiamo nella sua camera per un po' di tempo, che potrebbero essere 10 minuti come 1 ora. Il tempo è comunque volato tra lo stupore del figlio e la convinzione mia e di Nicola che puoi anche essere in punto di morte, ma la gente ha comunque bisogno di essere ascoltata.
L'ultima frase che ci ha pronunciato, mentre la salutavamo, è stata la seguente:

Vi ringrazio per quello che fate. Non mi dimenticherò mai di voi!

.....una frase che ci ha colti impreparati, che ci ha profondamente scossi. Siamo usciti con le lacrime agli occhi.
Alle volte basta veramente poco per lasciare un segno indelebile, anche in una persona che ci ha parlato solo per qualche minuto in tutta la sua vita.
Angela non ha più rivisto nessun Klaun, e probabilmente sono state tra le ultime parole che ha pronunciato. I giorni seguenti ha avuto la febbre alta e non è stata più cosciente.
A me piace immaginare Angela con le ali. Angela è volata via pochi giorni dopo il nostro incontro. Non so dirvi dove sia ora (in cielo, reincarnata, in paradiso, dove preferite voi) ma di una cosa sono certa: un pezzettino di Angela continuerà a vivere in me.

Noi Klaun non abbiamo la pretesa di combattere la malattia. Non ne abbiamo gli strumenti e per questo ci sono persone qualificate come i dottori che comunque, per quanto bravi siano, non possono prometterci la vita eterna. Prima o dopo tutti noi moriremo.
Quello che tutti noi possiamo invece provare a fare, indipendentemente dal fatto di essere Klaun, è di prenderci cura della Persona perché tutti noi abbiamo il diritto di aprirci alla vita anche in casi estremi come quando ti trovi in punto di morte ed il sorriso di Angela, impresso nel mio cuore, ne è la testimonianza.
Basta un piccolo gesto, una frase, un sorriso, un abbraccio per lasciare un segno indelebile in chiunque incontriamo sulla strada della nostra vita.

Buona Vita amici
Patric

Un sorriso è vita.....perché nessuno è così ricco da poterne fare a meno e nessuno è così povero da non poterlo dare

sabato 11 dicembre 2010

Amore

Buona Vita e un abbraccio speciale ad ognuno di voi

oggi vorrei regalarvi un video. Un video che a me tocca nel profondo dell'anima ogni volta che lo vedo. Qualcuno di voi l'avrà già visto, ma è meglio vederlo due volte piuttosto che non vederlo mai.
L'Amore....cos'è l'amore? Potremmo stare ore e ore a discuterne insieme e ognuno darà la sua definizione. Per me l'Amore è. Punto.
Di una cosa però sono certo: dopo che ognuno di voi avrà visto questo video.....beh, sarete tutti concordi con me nell'affermare che l'unica definizione possibile per quanto avrete visto è: AMORE.


Quando vi alzate la mattina....pensate a questo padre.....e non ci saranno più ostacoli che vi potranno fermare.

La strada della vita è tortuosa ma in ognuno di noi ci sono le energie sufficienti per superare qualsiasi ostacolo, basta trovarle e avere il coraggio di usarle.

Vi abbraccio e vi auguro......BUONA VITA
Patric

Un sorriso sincero è vita......perchè il riso è come il sole che scaccia l'inverno dai nostri volti

martedì 7 dicembre 2010

L'abbraccio

Buona Vita a tutti

"un sorriso è vita " assieme al "Buona Vita" è una delle frasi che preferisco e in cui credo veramente con il cuore.
Il sorriso fa stare bene te e la persona a cui lo doni. Il Saluto è un gesto altrettanto semplice che, se detto con il cuore, ha un potere altrettanto forte.
E dell'abbraccio? Cosa ne pensate? Qui entriamo in una sfera molto intima, perché c'é il contatto con la persona.
Ma l'emozione e l'energia che ti può donare un abbraccio, se riesci ad entrare in sintonia con chi stai abbracciando, è davvero unica.
Un giorno di aprile ero a Milano, in Piazza Duomo, a "donare abbracci" assieme ad alcuni amici. Ad un certo punto mi si avvicina un ragazzo di colore e mi chiede sottovoce: "Ma posso abbracciarti anche io?"