sabato 1 settembre 2012

Piacere, io sono Vita

Felice Vita amici,

in questi giorni stavo riflettendo sulla Vita e sull'aggettivo che amo affiancarci.

Buona Vita

Una persona mi ha fatto notare che scrivo Vita in maiuscolo.

E' vero, lo faccio molto spesso, e se non lo faccio è perché per qualche motivo mi dimentico o gli sto attribuendo un significato diverso da quello per me abituale.

Provo a spiegarmi

Gli altri mi chiamano Patric per attirare la mia attenzione.

Ma chi sono io?

Qualcuno avrebbe risposto: Uno, nessuno e centomila.

Io rispondo: piacere sono Vita

Posso essere Patric per te che mi chiami, posso essere il Sig. Longhi per chi, per motivi di lavoro, mi cerca al telefono, posso essere Papriko se indosso il naso rosso, posso essere un amico, un compagno, un impiegato, un clown, un viandante, un padre, un figlio. Posso essere molte cose, ma lo sono per gli altri.

Chi sono io per me?



Posso decidere di accettare di essere tutto quello che gli altri vogliono io sia, oppure posso accettarmi per quello che è la mia essenza: Vita.

Sì, io penso di essere Vita, Vita come te che mi stai leggendo. Siamo Vita che interagisce con altra Vita.

La Vita è ovunque, nell'aria, nell'acqua, nella terra. Noi stessi siamo composti da Vita, da miliardi di esserini minuscoli che ci permetto di usufruire di questo corpo. Miliardi di esserini che, probabilmente inconsapevolmente, lavorano affinché noi possiamo continuare a Vivere. Nascono, crescono, si riproducono e muoiono. Grazie a loro noi esistiamo con le sembianze che ci sono note.

Ringrazio tutti questi esseri viventi che mi permettono di Vivere questa straordinaria esperienza su questa Terra. Senza di loro io non esisterei.

Io sono Vita grazie alla Vita.

E come loro io nasco, cresco, mi riproduco e prima o poi morirò. Probabilmente come loro sto inconsapevolmente permettendo a chissà quale essere di Vivere.

Mi piace spesso immaginare la nostra Terra come un elettrone che gira attorno al suo nucleo (il sole). Il nostro sistema solare è quindi un atomo e tutti i sistemi solari della nostra galassia formano una molecola. A sua volta, le varie galassie messe insieme formano un universo che altro non sono che una cellula di chissà quale organismo vivente che sta vivendo la sua Vita. Un organismo formato, come noi, da miliardi di cellule che ai nostri occhi altro non sono che miliardi di universi.

Provate ad immaginarvi l'immensità degli spazi appena citati. Siamo partiti da un atomo per noi assolutamente inconsistente, per arrivare ad una molecola, una cellula, un organo, fino ad arrivare a noi stessi e poi oltre fino alla terra al nostro sistema solare che altro non è che un atomo che forma a sua volta una molecola, una cellula, un organo di un essere vivente per noi talmente grande da essere invisibile ai nostri occhi.

E proprio mentre vi sto scrivendo, lui sta giocando o forse sta lavorando o forse fa cose che per noi non hanno alcun senso.

Io non ne sono consapevole, ma gli sto permettendo di fare qualsiasi cosa stia facendo. Gli sto permettendo di Vivere e forse, un giorno, anche lui ci ringrazierà per il lavoro che stiamo facendo per lui.

Da Vita nasce Vita e anche quando sarò alla fine dei miei giorni in questo corpo, tutto verrà riutilizzato per nuova Vita.

Nulla va sprecato.

Se noi stiamo bene e ci rendiamo conto che la Vita di tutti dipende anche dalla nostra, la Vita continuerà ad andare avanti.

Buona Vita è un augurio. Un augurio affinché ognuno di noi possa riconoscersi come Vita, unica e indispensabile per un sistema che ai nostri occhi non ha confini.
La naturale tendenza degli esseri viventi è quella di evolvere affinché la Vita possa proseguire. Questa naturale tendenza è positiva, Buona, per la Vita stessa.

Nel momento in cui comprendiamo che siamo Vita per la Vita agiremo di conseguenza e ci riconosceremo per quello che siamo.

E quindi Buona Vita Amici

Un abbraccio gioioso
Pat Smily

Un sorriso è Vita...per l'esattezza un sorriso è composto da milioni di cellule che a loro volta sono Vita. Ricordiamoci ogni tanto di ringraziarle di esserci e di permetterci di sorridere