sabato 6 ottobre 2012

In cammino verso noi stessi

Serena Vita Amici
l'Essere umano per sua natura tende a crescere, ad evolvere. Questa è una caratteristica comune ad ogni essere vivente su questa Terra. Penso ad esempio ad un seme lasciato in un vaso di terra in una buia cantina. 
Uno spiraglio di luce filtra da qualche fessura e nonostante il buio, il seme germoglia e cresce,


cresce in direzione di questo unico spiraglio di luce finché non lo raggiunge. 
Le condizioni in cui questo seme vive sono sicuramente sfavorevoli, eppure la Vita tende a svilupparsi.

Abbiamo asfaltato e continuiamo a farlo migliaia di km di strade. Stiamo impermeabilizzando la Terra. La Vita viene imprigionata sotto uno strato di catrame per permetterci di muoverci con comodità e velocità. Ciò nonostante spesso si vedono ciuffi d'erba che sono "evasi" dalla loro prigionia, e con chissà quale energia, riescono a crearsi un varco e a spuntare dove il sole riscalda e dona energia vitale. 



L'Essere umano si comporta, tendenzialmente, allo stesso modo. Anche tu sei libero di scegliere la tua direzione e di solito scegli le vie costruttive e positive. Cerchi lo spiraglio di luce che ti farà crescere nonostante le condizioni possano essere, in certi casi, molto sfavorevoli. 
E questo grazie alla tendenza innata nell'organismo umano di crescere, di svilupparsi, di realizzare a pieno ogni potenziale. 
Questa tendenza è la spinta fondamentale che ti sta motivando. E' unica ma allo stesso tempo universale e ti farà piacere sapere che durerà finché sarai in Vita. 

E' una tendenza alla realizzazione, alla pienezza e al miglioramento delle tue capacità interiori e delle tue potenzialità. Una tendenza verso l'autonomia: quante volte ti senti a disagio se qualcuno cerca di controllarti o limitare la tua autonomia? Metterti dei paletti ridurrà questa autonomia e la tua tendenza alla crescita e allo sviluppo delle tue potenzialità sarà di conseguenza limitato. Questo ti creerà insoddisfazione.

L'ambiente esterno può fortemente influire sul tuo innato desiderio di crescere ma sappi che la tua tendenza sarà quella di superare l'ostacolo, aggirare il paletto per ritrovare la luce. 
Questo sei tu, questo sono io, questi siamo noi esseri umani che per nostra natura tendiamo ad assumere comportamenti socialmente costruttivi. 

Leggendo un libro mi sono imbattuto in questa frase di Carl Rogers, psicologo statunitense, noto per i suoi studi nella corrente umanistica della psicologia: 

"La Buona Vita è un procedere non uno stato dell'Essere. E' una direzione, non una destinazione. Non è...uno stato di grazia, o di contentezza, un nirvana o la felicità. Non è una condizione nella quale l'individuo è a posto, o pieno o attuato".

La Buona Vita è un cammino, il cammino verso quella tendenza di cui ho parlato sopra. La tendenza alla crescita e allo sviluppo. La tendenza all'autonomia. E questa tendenza sarà ancora più forte se ci sarà  fiducia nel nostro organismo, nelle nostre capacità, nella nostra Anima. 

La Buona Vita richiede apertura all'esperienza, ci chiede di sperimentarci, di vivere in prima persona e di osservarci mentre viviamo. Tramite l'esperienze aumenteremo il nostro grado di consapevolezza e ci avvicineremo sempre più a ciò che siamo, senza farci dominare dalle opinioni che ci sono state inculcate, dalla moda e dai giudizi. 

La Buona Vita è semplicemente la tendenza innata in te a diventare te stesso.

Buon Cammino

Un abbraccio è accoglienza, un sorriso è Vita

Pat Smily 





1 commento:

  1. La direzione e non la destinazione,a volte questo concetto,se fatto proprio può essere salvifico...ci aiuta a non rinunciare alla bellezza del momento,solo perchè non vediamo la "fine" o lo scopo di ciò che abbiamo desiderato intraprendere.Bene quindi il vivere "alla giornata" e imparare a gustarsi ogni attimo senza che scorra via distrattamente..."gustarsi il mandarino"come ci ha suggerito un Amico...e ancora "...il tempo invidioso è già fuggito:afferra l'oggi e confida nel domani il meno possibile..."(Quinto Orazio Flacco).La Vita ha in se' la Vita...potente più del male che vuole distruggerla e profanarla.Nel filo d'erba che buca l'asfalto...nel pianto del neonato e nei primi sorrisi...in ogni fungo ed insetto...nella farfalla come nella mosca e nella muffa.Ma la Vita trova Sacralità nell'Amore,tra un uomo ed una donna,tra un uomo e il resto dell'umanità e di tutto il creata...Cito una frase di Anna Frank "Vedo il mondo che si trasforma gradualmente in una terra inospitale;sento avvicinarsi il tuono che distruggerà anche noi;posso percepire le sofferenze di milioni di persone ma,se guardo il cielo lassù,penso che tutto tornerà al suo posto,che anche questa crudeltà avrà fine e che ritorneranno la pace e la trnquillità."

    RispondiElimina