sabato 9 marzo 2013

Nonostante il freddo, la Fiducia

Buona Vita
ti ritieni una persona che si fida di se stesso? E del prossimo? Penso che le due cose siano molto legate l'una con l'altra. Kahlil Gibran, scrittore libanese, ha scritto che "Il dubbio o la fiducia che hai nel prossimo sono strettamente connessi con i dubbi e la fiducia che hai in te stesso". 

Nella società contemporanea ho l'impressione che stia prendendo il sopravvento il sospetto, la paura. Io e te ci troviamo a vivere in una società sfiduciata. Ma perché lo è ? Se accettiamo quanto scritto da Gibran, la sfiducia generalizzata dipende da me e te, perché in realtà non siamo in grado di fidarci del prossimo semplicemente perché non sappiamo fidarci di noi stessi. 


Come fare a fidarsi? 


In questo momento mi viene in mente la natura in diversi suoi aspetti. Forse, ti chiederai cosa c'entra la natura con la Fiducia. Domanda lecita a cui ti rispondo con alcuni esempi: 



Abbiamo la fortuna di vivere in un paese in cui ogni anno  si susseguono le quattro stagioni. Ora ad esempio ci stiamo avvicinando alla primavera. L'inverno sta finendo, ma non più di due settimane fa, molte zone dell'Italia erano sommerse dalla neve. Poi una piacevole ondata di tepore che ha fatto sbocciare i primi fiori e oggi la pioggia che dona Vita e che prepara alla rinascita. 
Penso ad un albero, ad una quercia. A primavera sbocciano i germogli, le foglie riempiono i suoi rami. Arriva poi l'estate, il caldo, e qualcuno, magari tu stesso, potrebbe trovare sollievo all'ombra di questa quercia. Poi sopraggiunge l'autunno e le foglie cambiano colore. Piano piano iniziano a cadere, una dopo l'altra. 

Ecco, per me, è proprio in questo momento che la quercia ripone la sua massima fiducia nella natura, in tutto ciò che la circonda. Sa che è il momento di riposarsi, di attendere l'arrivo della stagione che la accompagnerà e la farà diventare nuovamente rigogliosa. Ma per il momento dovrà armarsi di pazienza e sopportare il freddo che arriva, sopportare le folate di vento, il peso della neve sui suoi rami, le gelate. 


Nonostante il freddo, la fiducia in una nuova primavera. 


Un altro esempio che ci offre la natura sono gli animali. Conosci Jean-Jeacques Rousseau?

E' stato un filosofo, uno scrittore e un musicista svizzero. Una delle sue citazioni è la seguente: 
"Tutti gli animali diffidano dell'uomo, e non hanno tutti i torti, ma quando sono sicuri che non vuol fargli del male, la loro fiducia diventa così grande che bisogna essere più che barbari per abusarne."

Mi viene in mente il mio gatto, Miki, che per 18 anni ha vissuto con me. Appena preso si
nascondeva ovunque. Era impaurito. Non conosceva nessuno, la casa completamente nuova. Eppure son bastate un po' di coccole e la sua fiducia è diventata totale, nonostante i dispetti che ogni tanto mi "divertivo" a fargli.  

Se provi a tirare la coda ad un gatto potrebbe morderti, ma se in passato ti sei guadagnato la sua fiducia, tornerà da te a leccarti proprio dove ti ha morso. Il gatto ti sta semplicemente  facendo capire che a lui non piace che tu gli tiri la coda. Sta contestando il tuo gesto ma non sta mettendo in dubbio la sua fiducia nei tuoi confronti.

Fidarti di te stesso,  fidarti dell'ambiente che ti circonda, fidarti del tuo prossimo, diventa quasi una scommessa. Non si può sapere a priori cosa succederà, ma se anche tu, come me, vuoi vivere in una società basata sulla fiducia, non ti rimane che iniziare da te stesso. 

Io mi fido dell'essere umano. Mi fido della sua bontà intrinseca e mi fido di te che mi leggi. 

Che la Fiducia sia con te
Un abbraccio

Un Sorriso fiducioso è Vita

Ringrazio il mio Amico Paolo per la foto da lui scattata e per il titolo di questo post